Simon Mayer combina un’attrezzatura high-tech con una coreografia puramente umana. Anche se esplora eccessivamente nuove tecniche, il suo pezzo “Essere commossi” trasmette molta profondit√†.